Sardegna

I piatti della tradizione sarda OnTheTable al #wwim14

23 Settembre 2016

Gli antichi piatti della Sardegna all’instameet di San Leonardo

Il cibo era squisito, la location stupenda e la compagnia pure! Quella fresca domenica di metà settembre non mancava proprio nulla a San Leonardo de siete fuentes quando un gruppo di appassionati instagramers ha dato vita alla quattordicesima edizione del world wide instameet (#wwim14). L’evento, che il 18 settembre si è svolto contemporaneamente in tutto il mondo, voleva questa volta celebrare il cibo e la sua condivisione, due elementi che in Sardegna non solo trovano terreno fertile ma vanno spesso a braccetto! E così il #wwim14 in salsa sarda (giusto per rimanere in tema), organizzato dalla community di @igers_sardegna e da @sardegnacom, è stato un successone e io non potevo non raccontarvelo 🙂
Se apprezzate la buona tavola e siete a caccia di ispirazione in cucina vi consiglio di scorrere questo breve resoconto enogastronomico perchè forse i piatti della tradizione sarda vi sapranno stupire! Ma iniziamo dal viaggio … Come on 😉

Sulla via di … San Leonardo

La strada che da Abbasanta conduce a Santu Lussurgiu, una volta superata l’antica borgata di Sant’Agostino con le sue casette basse in pietra, i gerani alle finestre e centinaia di bandierine colorate che il vento agita a mezz’aria, si sviluppa secondo un sistema di curve che si fanno sempre più insistenti mano a mano che comincia la salita.

Sant'Agostino

Sant’Agostino

Sulla via per San Leonardo (quello delle siete fuentes per intenderci), il paesaggio si presenta puntellato di rocce, quercete, sprazzi di fieno giallo alternati a erba verde, rovi carichi di more e occhi di buoi dal manto rosso che silenziosamente ti scrutano dai margini della campagna.

San Leonardo de siete fuentes

San Leonardo de siete fuentes

La meta è tra le più belle e suggestive della provincia di Oristano e l’appuntamento è per le 10:30. Io, che ho fatto del quarto d’ora accademico non l’eccezione ma una rigida regola da non trasgredire, sono ovviamente in ritardo (cvd) e quando finalmente arrivo sul posto i miei compagni di avventura, una quarantina circa, sono tutti lì, attrezzati di smartphone e macchine fotografiche. C’è chi scruta il cielo, chi è indeciso se lasciare la giacchetta in macchina e chi, per non sbagliare, spizzica due tranci di fainè accompagnati da un vinello! Ma è o non è questa giornata dedicata al buon cibo? E allooooraaa

San Leonardo de siete fuentes

San Leonardo de siete fuentes

San Leonardo de siete fuentes ed è subito medioevo

Il cielo di San Leonardo, attraversato da poetici e fotogenici nuvoloni carichi d’acqua, un attimo minaccia di piovere e l’attimo dopo si diverte a mostrarci il sole. Sta a noi cogliere luci e ombre di questi magici giochi della natura. L’aria è frizzantina e il profumo della terra bagnata avvolgente. Il nostro tour fotografico inizia proprio dalle siete fuentes da cui la località trae il nome, sette sorgenti allineate che regalano abbondante acqua fresca tutto l’anno .

San Leonardo de siete fuentes

San Leonardo de siete fuentes

San Leonardo de siete fuentes

San Leonardo de siete fuentes

San Leonardo è una vera e propria oasi attrezzata e ricca di verde. Camminando su un letto di foglie secche, erba e ghiande, tra i tavoloni e le sedute in legno che accolgono i banchetti domenicali di tanti turisti, ci si imbatte in un continuo susseguirsi di agrifogli, castagni e querce.

San Leonardo de siete fuentes

San Leonardo de siete fuentes

Immersi nel bosco, si scorgono osterie e alcune casette dell’antico villaggio medievale che sorgeva attorno alla chiesa e all’ospedale. Eh si, perché se dici San Leonardo è subito medioevo e templari 😀

San Leonardo de siete fuentes

San Leonardo de siete fuentes

La chiesetta di San Leonardo

La chiesetta di San Leonardo

Lasciate le fonti alle spalle, scopriamo la bellissima chiesetta del XII secolo dedicata a Leonardo di Noblanc e costruita in stile romanico pisano che in passato ospitava i Cavalieri di Malta e sulla quale aleggiano le leggende dei Templari. Particolare anche il suo interno che accoglie i visitatori con un tripudio di bandiere che pendono dai muri.

La chiesetta di San Leonardo

La chiesetta di San Leonardo

La chiesetta di San Leonardo

La chiesetta di San Leonardo

Gli alloggi che la costeggiano su un lato, accovacciati attorno a un grazioso giardino, erano un tempo i muristenes per il ricovero di fedeli e pellegrini. Oggi quelle casette sono le stanze di un’incantevole struttura ricettiva, L’Eremo del Cavaliere, una locanda in cui potersi rilassare tra atmosfere medievali e piatti preparati utilizzando esclusivamente i prodotti del territorio.
Ma, a proposito di cibo, non siete curiosi di vedere “cosa tutto c’era” a pranzo in questo instameet? Ajò

L'Eremo del Cavaliere

L’Eremo del Cavaliere

L'Eremo del Cavaliere

L’Eremo del Cavaliere

Le antiche bontà di Sardegna tutte #onthetable

La quattordicesima edizione dell’instameet, che aveva come tema il cibo, è stata dedicata alla #sardegnaintavola, rubrica che ha l’obiettivo di esaltare sapori e pietanze della nostra terra. Ai partecipanti era richiesto di portare almeno un piatto tipico da condividere con gli altri per rendere ancora più suggestiva l’esperienza, risultata poi perfetta grazie all’#onthetable realizzato sotto la stretta sorveglianza di Francesco Pruneddu, meglio noto come @Ch_ecco,esperto nel realizzare magnifiche e appetitose composizioni!

P.S. A proposito io avevo già esplorato il mondo del #foodesign. Non ci credi? Clicca qui

Preparativi per l'#onthetable

Preparativi per l’#onthetable

Comunque, nonostante le centinaia di fotografie scattate possano testimoniare quanta abbondanza di prelibatezze gli instagramers abbiano deciso di portarsi dietro, vi assicuro che non esistono parole per descrivere il sapore e il profumo dei tanti pani tipici, dei formaggi, del vino e dei dolci presenti.

I piatti della tradizione sarda

I piatti della tradizione sarda

Io vi giuro che mi sono anche impegnato ma le parole proprio non le ho trovate per trasmettervi il sapore dei malloreddus fatti in casa e conditi con sugo di pecora, dei carciofini sottolio, de sa pratzida (una sorta di pane con un ripieno di pomodoro, aglio e altre spezie), della grande panada campidanese ripiena di anguille, delle piccole panadas di Oschiri col loro cuore di carne, del casizzolu stagionato di Santu Lussurgiu e della treccia fresca squi-si-ta, del fiore sardo e del prosciutto stagionato … Aiuto io muoro come direbbe Joe Bastianich:-o

Fiore Sardo di Gavoi e Panada di Oschiri

Fiore Sardo di Gavoi e Panada di Oschiri

Gnocchi fatti in casa

Gnocchi fatti in casa

E poi vogliamo parlare dei vari pani tradizionali? De s’abbamele o dei dolci? Beh dei dolci ne dobbiamo parlare per forza perché quelli non erano semplici dolci ma dei veri capolavori!

Le creazioni di Roberto Murgia

Le creazioni di Roberto Murgia

A parte l’ampio repertorio di opere d’arte culinaria preparate da Roberto Murgia che ci ha deliziato con i suoi coricheddos, pastissus, ossos de mortu, caschettes e altre bontà provenienti direttamente dal suo laboratorio di Alghero, e di meravigliosi pistiddos di Orotelli fatti a mano dalla bravissima @giugiu9330, c’erano talmente tanti di quei pirikitos, fritelline ripiene di mandorle, pistocos, papasinos, tziricas, amaretti e sospiri da stare male! Giuro!

Sos Coricheddos di Roberto Murgia

Sos Coricheddos di Roberto Murgia

Su Pistiddu di Orotelli datto da @giugiu9330

Su Pistiddu di Orotelli fatto da @giugiu9330

Insomma chi pensava che la cucina sarda fosse composta da quattro piatti messi in croce si dovrà ricredere 😀
Si è concluso così, in un clima di allegra convivialità, questo splendido e riuscitissimo instameet ! Se volete ammirare tutte le foto scattate dagli igers quel giorno non vi resta che cliccare su #wwim14sardegna mentre per vedere tutte le altre, troppe, foto che ho scattato io seguite la mia pagina facebook perchè diversi album stanno per arrivare!
Ah dimenticavo: al prossimo jump 🙂

Melagrane al #wwim14sardegna

Melagrane al #wwim14sardegna

Pabassinos al #wwim14sardegna

Pabassinos al #wwim14sardegna

I capolavori di Roberto Murgia al #wwim14sardegna

I capolavori di Roberto Murgia al #wwim14sardegna

Su Casizzolu e sa trizza al #wwim14sardegna

Su Casizzolu e sa trizza al #wwim14sardegna

Sa Panada con anguille al #wwim14sardegna

Sa Panada con anguille al #wwim14sardegna

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Leggi articolo precedente:
#BarbagiaOnTheRoad: discovering Monte Gonare

La mia #barbagiaontheroad fa tappa sul Monte Gonare Nel cuore della Sardegna, a 1100 metri d’altitudine, sulla cima di…

Chiudi