Gallura

Tutta la magia della Valle della Luna in Sardegna

3 aprile 2018

Perdersi tra le magiche atmosfere della Valle della Luna

Ti ho sentita Valle della Luna.
Ti ho sentita nel rumore delle onde e nel profumo di elicriso.
Ti ho vista nelle rocce che fiere si stagliavano sul blu e ho giocato con le nuvole veloci che disegnavano ombre grandi sulla sabbia.

Ho colto una purezza vera e semplice nei prati di fiori gialli, bianchi e viola che come gioielli impreziosiscono la terra ocra.

Ho colto una purezza vera nei tanti rivoli di acqua cristallina che attraversano l’altura per tuffarsi dritti in mare.

Ho apprezzato la forza del tuo vento pieno di salsedine che con decisione spettinava i miei capelli.

Ho accarezzato la tua anima bonaria che riempiva l’aria e si spargeva tra le grotte, il totem e la spiaggia.

Ho capito che hai uno spirito antico e saggio forgiato da millenni di storia e mareggiate.

Mi sono sentito riscaldato dal tuo sole luminoso e grande.
Per questo ed altro ancora ti ho voluta ancora mia, Valle della Luna.

La Valle della Luna, un altro mondo

In un mondo frenetico che corre veloce, che chi si ferma è perduto, che se ti concedi una pausa per riflettere stai solo perdendo tempo, ci sono ancora angoli di paradiso dove la calma è la regola.

Quel paradiso ha un nome inequivocabile, è la Valle della Luna, in quel di Capo Testa nel comune di Santa Teresa Gallura.

Un’ampia porzione di territorio dominata da incredibili rocce di calcare e arenaria modellate dal vento che assumono le forme più bizzarre, sembianze umane e profili antropomorfi.
Non so chi le abbia attribuito quel nome ma di sicuro ci ha azzeccato.

A stare lì, infatti, pare quasi di trovarsi su un altro pianeta, lontani dalla civiltà (o inciviltà a seconda dei punti di vista), distanti anni luce dal caos, in una condizione di totale libertà che spinge l’uomo ad abbandonarsi alla bellezza.

La Valle della Luna è capace di regalarti un bagaglio di emozioni rare che trascendono la mera fisicità del luogo per investire l’intero sentire umano.

Quando visitare Valle della Luna e come arrivare

La primavera è certamente il periodo migliore per visitare la Valle della Luna, sia per i colori, sia perché ancora non ci sono troppi turisti a prendere d’assalto i vari cammini che l’attraversano.

La Valle della Luna è un luogo totalmente selvaggio, andarci significa immergersi in una natura incontaminata ma non impervia. Se cercate servizi igienici, baretti, chioschi ecc., non andateci nemmeno. Nella Valle non c’è nulla di tutto ciò.

Pur selvaggia la Valle è abitata tutto l’anno da un gruppo ristretto di hippy che abitano alcune grotte e si prendono cura del posto.

Come arrivare? Bisogna prendere la strada per Capotesta e salire fino al faro. Nel piazzale si possono lasciare le auto e da lì imboccare una delle “porte” che conducono al paradiso terrestre. Se ci andate non potete sbagliare ma nel caso vi perdeste niente paura, sarà una bella esperienza anche quella.

Se non conoscete il faro di Capotesta leggete qua.

Al Prossimo jump 🙂

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Leggi articolo precedente:
La processione dei misteri: il Lunissanti di Castelsardo

Il Lunissanti e la processione di notte a Castelsardo È l’ora del crepuscolo quando arriviamo a Castelsardo. Riteniamo un…

Chiudi