Sardegna

Gesturi #ontheroad. Sulle orme di frate Silenzio

27 Novembre 2016

La mia Gesturi inizia dall’Antica Locanda

All’Antica Locanda di Gesturi, singolare B&B ospitato in una casa campidanese lungo la via Nazionale, avevo avvisato preventivamente che quella sera di fine maggio sarei potuto arrivare con un leggero ritardo. Dopo aver bussato al grande portone in legno di quel palazzo color pesca, la signora Maria Grazia mi ha accolto con un caloroso benvenuto condito di sorrisi, strette di mano e consigli su cosa, il giorno dopo, avrei potuto visitare nel paese di Fra Nicola.

L'antica locanda - Gesturi

L’Antica Locanda – Gesturi

Il cortile del B&B si presenta come un vero e proprio museo a cielo aperto dove campeggia ogni sorta di arnese contadino, dalla ruota del carro ai ferri del maniscalco.

Non appena vi ho messo piede ho capito di trovarmi in un posto speciale, uno di quelli dove mi piacerebbe tornare con più calma.

L'antica locanda - Gesturi

L’Antica Locanda – Gesturi

L'antica locanda - Gesturi

L’Antica Locanda – Gesturi

Sistemati i pochi bagagli nell’angusta cameretta, e dopo una rinfrescata veloce, sono uscito per fare due passi e andare a cena da Edoardo che gestisce la Taverna del Conte, un bel ristorantino inserito in una location d’eccezione, l’antica abitazione di un signorotto del paese. A parte il fatto che si mangia bene, io vi consiglio di farci un salto perché il posto è very very bello 😀

La Taverna del conte - Gesturi

La Taverna del Conte

Quella notte a Gesturi tirava un venticello tiepido e camminando tra le viuzze del centro storico ho fatto il mio solito giro di perlustrazione utile per farmi un’idea su cosa vedere e ottimizzare gli spostamenti dell’indomani, una volta terminato il mio lavoro al museo della Giara .

Ho capito che per esplorare al meglio Gesturi avrei dovuto iniziare dal percorrere le orme di Fra Nicola o Frate Silenzio, a partire dalla sua casa. Se ancora non lo conoscete, seguitemi 😉

Gesturi on the road

Gesturi on the road

Gesturi on the road

La mia mattina gesturese comincia presto davanti a una ricca colazione dolce, proprio quella che ci serviva per darmi la giusta carica 😀

Colazioni gesturesi - L'antica locanda

Colazioni gesturesi – L’Antica Locanda

E poi via dritti al museo della Giara, nel cuore del paese, e subito dopo alla casa di Fra Nicola che per l’appunto non vedevo l’ora di visitare.

Il museo della Giara

Il museo della Giara

La casa di Fra Nicola da Gesturi

Non capita tutti i giorni di entrare in casa di un frate cappuccino beato e quasi santo, conosciuto in tutta la Sardegna e non solo, e respirare un po’ di sana aria di beatitudine!

Anche perché Fra Nicola, o Frate Silenzio come in tantissimi usano ancora chiamarlo da queste parti, è stato un vero e proprio esempio di santità per via delle sue  innumerevoli virtù.

La casa di Fra Nicola di Gesturi

La casa di Fra Nicola da Gesturi

Nato a Gesturi nel 1882 in una modesta famiglia di contadini laboriosi, rimasto presto orfano, ha fin da piccolissimo vissuto in condizioni di estrema essenzialità.

Quasi sulla soglia dei 30 anni è entrato in convento a Cagliari e da allora il frate dagli occhi cerulei e dallo sguardo dolce ha dedicato tutta la sua vita ai poveri come frate questuante, chiedendo la carità “po Santu Franziscu”.

La casa di Fra Nicola di Gesturi

La casa di Fra Nicola di Gesturi

La casa di Fra Nicola di Gesturi

La casa di Fra Nicola di Gesturi

Sul finire della seconda guerra mondiale, quando Cagliari viene pesantemente bombardata, Frate Silenzio sceglie di non fuggire e rimane al fianco dei più indifesi per prestargli soccorso, senza mai chiedere nulla in cambio. Chi lo conosceva lo adorava. Di poche parole e vocato alla povertà, Fra Nicola ha dato tutto se stesso al prossimo, senza risparmiarsi.

La casa di Fra Nicola di Gesturi

La casa di Fra Nicola di Gesturi

La casa di Fra Nicola di Gesturi

La casa di Fra Nicola

La sua casa di Gesturi, umile e arredata come le case contadine di una volta, è visitabile grazie ad alcuni vicini che ogni giorno la aprono ai tanti fedeli provenienti da ogni dove affinché possano dire una preghiera nella cappella interna o chiedere una grazia.

Centro storico di Gesturi

Centro storico

A Gesturi tutto parla di Fra Nicola che, dopo una malattia, muore nel giugno del 1958. Per le strade, ogni tanto qualche striscione o qualche scritta sui muri ne rievoca la presenza e lo ricorda in segno di affetto.

Il centro storico di Gesturi

Uscito dalla dimora del beato il mio tour continua per le tortuose stradine dell’abitato da cui mi imbatto in un grande portone che, al termine di una salitina, si spalanca su un’ampia corte con aia dove pascolano beatamente oche, galli e galline.

Nel tragitto che mi riporta verso la chiesa parrocchiale, sulla cui facciata campeggia una gigantografia di Fra Nicola e che non perdo mai di vista grazie al campanile alto 30 metri, scopro Casa Marica, una casa di arti e mestieri, che ospita una ricca collezione etnografica. Se siete a Gesturi è da vedere!

La parrocchiale e la chiesa di Santa Barbara

Delle chiese presenti nel paese ne ho visto tre.

Oltre alla seicentesca parrocchiale dedicata a Santa Teresa d’Avila ho visitato la bellissima chiesetta campestre di Santa Barbara, risalente al 1473, dove Fra Nicola andava a pregare. La chiesa, con campanile a vela, è stata abbandonata per quasi un secolo e oggi fortunatamente è stata riaperta al culto, dopo gli interventi di restauro.

Chiesa parrocchiale Gesturi

Chiesa parrocchiale

Chiesa di Santa Barbara Gesturi

Chiesa di Santa Barbara Gesturi

La Chiesa del Santo Sepolcro

La sorpresa maggiore però me l’ha regala la chiesa del Santo Sepolcro dedicata a Santa Maria Egiziaca, del 1680, che al suo interno presenta un caratteristico altare rialzato e ospita alcune statue “abbigliate”, vestite con abitini che gli vengono cambiati in base alla diverse occasioni, tanto cupe quanto affascinanti.

E comunque si tratta di una chiesa davvero singolare. Anche questa ve la consiglio!

La chiesa del Santo Sepolcro

La chiesa del Santo Sepolcro

La chiesa del Santo Sepolcro

La chiesa del Santo Sepolcro

La chiesa del Santo Sepolcro

La chiesa del Santo Sepolcro

Bene, spero di avervi incuriosito con queste poche informazioni su Gesturi che vi invito a visitare di persona quanto prima ma se volete maggiori informazioni sul paese cercate Roberto Casu di Gesturi Turismo e la Pro-Loco.

Al prossimo jump 🙂

La chiesa del Santo Sepolcro

La chiesa del Santo Sepolcro

La chiesa del Santo Sepolcro

La chiesa del Santo Sepolcro

La chiesa del Santo Sepolcro

La chiesa del Santo Sepolcro

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Leggi articolo precedente:
Tuili #ontheroad. Alla scoperta di uno tra i borghi più belli della Sardegna

Tuili. Un gioiellino di architettura rurale A Tuili il sole picchiava forte quel pomeriggio di inizio estate. Sembrava quasi…

Chiudi