Sardegna

Ho fatto un salto a Laconi e…

21 gennaio 2016

Ho fatto un salto a Laconi e…

Oggi vi voglio parlare di un antico e caratteristico borgo medievale del centro Sardegna che ho avuto il piacere di visitare lo scorso mese di giugno. Si tratta di Laconi, paese di circa 2.000 abitanti in provincia di Oristano. Posto a 550 metri s.l.m., presenta un patrimonio ambientale di pregio e offre panorami davvero incantevoli. Si rimane rapiti dal verde dei suoi boschi e dalle architetture tradizionali, essenziali ma dall’aspetto straordinariamente autentico.

Il verde parco Aymerich

Il verde parco Aymerich

Dall’abitato è possibile ammirare le Giare marnose, simbolo inconfondibile della regione storica della Marmilla, che sviluppandosi secondo un morbido disegno di colline e ampie vallate conducono al pianeggiante Campidano.

Il gatto e il portale

Centro storico di Laconi

Sono due le cose che mi hanno colpito di Laconi: l’ospitalià dei suoi abitanti e la sua storia.
Come anticipato all’inizio, si tratta di un centro di antica origine in cui è possibile rintracciare molti dei caratteri, anche risalenti a epoche diverse, che ne hanno definito l’identità e scritto la storia.
Nella piazza principale del paese, all’interno di una villa signorile che prende il nome dagli antichi Signori locali, gli Aymerich, si trova l’interessantissimo museo della statuaria preistorica della Sardegna, il Menhir Museum.
Il museo presenta un’ampia e suggestiva collezione, distributa su 11 sale espositive e composta da incredibili statue antropomorfe in pietra, ritrovate nei dintorni di Laconi e dei paesi vicini. Si tratta di testimonianze di un remoto passato, risalente al periodo prenuragico (3.000 a.c.), in cui ed essere venerate erano diverse divinità pagane, sia maschili che femminili, tra cui primeggia la Gran Madre Mediterranea.

Menhir esposti al museo di Laconi

Menhir Museum – Laconi

Visitare il museo della Statuaria è un po’ come fare un salto a ritroso nel tempo ed è particolare anche l’energia che le statue riescono a trasmettere all’osservatore.
Seguendo la cronologia della storia di Laconi, mi sono imbattuto successivamente con quel che rimane dell’epoca medievale, ovvero con i resti dell’antico castello appartenuto un tempo alla Regina o Giudicessa Eleonora d’Arborea e presenti all’interno dell’incantevole Parco Aymerich che, con una superficie di quasi 22 ettari, rappresenta un bellissimo esempio di parco urbano, con una vegetazione rigogliosa e diverse cascate e corsi d’acqua.
Il parco – il cui ingresso è gratuito (da non credere …) – è aperto tutti i giorni dalle 08 del mattino alle 20 di sera e si presta a numerose attività sia sportive che ricreative, con un’ampia area attrezzata per il picnic.
A proposito di attività da svolgere, è utile segnalare che all’interno dello scenario naturalistico del parco è possibile praticare il Nordic Walking sotto la guida esperta di Paola Fulghesu, presidente dell’Associazione sportiva Andalas e Breccas. Un’esperienza da fare assolutamente e per questo vi linko una bellissima intervista fatta a Paola nel 2013:
Oltre al parco Aymerich nel territorio è presente anche un’oasi naturalistica, in località Funtanamela, in cui è possibile ancora ammirare la specie del cavallino selvatico del Sarcidano. Per visite guidate sul territorio è sempre possibile contattare l’Associazione sportiva De Lacon.

Ingresso a corte

Ingresso al castello medievale di Laconi

Sono tante allora le ragioni per cui visitare questo bellissimo comune che oltretutto si fregia del marchio “Bandiera Arancione” tramite cui il Touring Club Italiano ne attesta le caratteristiche di eccellenza dal punto di vista architettonico e ambientale. Laconi fa inoltre parte dell’Associazione Borghi Autentici d’Italia (BAI) in qualità di Comunità Ospitale e all’interno del sito è possibile trovare numerose altre informazioni di interesse turistico.
Tuttavia il paese è conosciuto in Sardegna  soprattutto per aver dato i natali a Fra Ignazio (1701-1781), proclamato santo nel 1951. Nel centro storico è possibile visitare l’umile e antica dimora che fu la casa natale del frate e che i vicini tengono aperta tutti i giorni dell’anno per i pellegrini che numerosi accorrono.
Non c’è bisogno che scriva delle prelibatezze che si possono gustare a Laconi… vi basti sapere che è l’unico paese in Sardegna dove crescono i tartufi ;-).
Quando ho soggiornato a Laconi ho alloggiato presso il caratteristico B&B “Antico Borgo”, gestito da due proprietari squi-si-tis-si-mi! Da consigliare a tutti.
Ok, spero di essere riuscito ad incuriosirvi abbastanza per visitare questo paese.
Per adesso vi saluto con una serie di fotografie che ho selezionato per voi e… al prossimo Jump on 😀

Chiesa di Sant'Ignazio e Sant'Ambrogio

Chiesa di Sant’Ignazio e Sant’Ambrogio

Menhir di Laconi

Menhir di Laconi

Statua di Sant'Ignazio all'interno della sua casa natale

Statua di Sant’Ignazio all’interno della sua casa natale

Vie del Centro storico di Laconi

Vie del Centro storico di Laconi

Viale interno al Parco

Viale interno al Parco

Percorsi incantati all'interno del Parco

Percorsi incantati all’interno del Parco

Il castello di Laconi

Il castello di Laconi

Fonte all'interno del Parco Aymerich

Fonte all’interno del Parco Aymerich

Affaccio sulla Giara

Affaccio sulla Giara

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: